Omega Speedmaster Professional Moon Watch

Per molto tempo, oltre mezzo secolo, Omega è divenuto un brand che ha saputo testimoniare importanti passaggi storici, attraverso accessori da indossare al polso, in modo comodo e pratico. Nello specifico è Omega Speedmaster Professional Moon Watch a catturare l’attenzione, in quanto considerato come un modello segnatempo, il primo a essere indossato sulla Luna, come del resto precisa il suo nome.

Omega Speedmaster Professional Moon Watch è un cronografo unico: le caratteristiche

Il MoonWatch si presenta on il suo quadrante nero, la scala tachimetrica che è divenuta il vero marchio di fabbrica di questo cronografo da 42 mm. Gli indici e le lancette che troviamo centrali, per l’ora e i minuti, sono rivestiti di Super-LumiNova. A protezione del quadrante vi è invece un vetro esalite, dotato di contatori dei 30 minuti e 12 ore; inoltre vi è un quadrantino pensato proprio per i secondi. L’orologio Omega ha una cassa in acciaio inossidabile che si accompagna a un bracciale dello stesso materiale o, come alternativa, con cinturino in pelle nera.

Omega Speedmaster Professional Moon Watch

Omega Speedmaster Professional Moon Watch

 Ogni modello, tra i quattro segnatempo che vanno ad arricchire la gamma, si presenta a noi con uno speciale cofanetto che contiene al suo interno due cinturini supplementari. Il primo è il cosiddetto cinturino “NATO”, mentre l’altro è il cinturino per astronauti. Sono anche inclusi nella confezione una lente di ingrandimento Speedmaster, la piastrina in metallo, un libro che spiega le vicende legate a questa speciale creazione. Qui si può anche scoprire come sostituire i cinturini seguendo le istruzioni d’uso.

Un orologio da polso perfetto per andare sulla Luna

La grande sfida venne lanciata da John F. Kennedy, quando decise di mandare un astronauta sulla Luna. Una scelta che fu audace, se si considera che al tempo un solo americano era stato nello spazio per appena 15 minuti e 28 secondi. Era il mese di luglio del 1969: Buzz Aldrin mise piede sul suolo lunare e da quel momento si sarebbe scritta la storia di Omega, con un modello caratteristico, prontamente soprannominato Moonwatch.

Ma è a partire dal 1957 che lo Speedmaster ha trovato modo di distinguersi grazie alle sue tre principali caratteristiche: la precisione, la leggibilità e la resistenza. Nel 1968, vi fu la sostituzione del calibro 321 con il calibro 861, che ha poi dovuto lasciare posto, a sua volta, a una versione migliorata, rifinita e con grande qualità di movimento.

Oggi troviamo sul mercato un orologio che ha lo stesso movimento a carica manuale che ha reso unici gli accessori segnatempo indossati dagli astronauti.

 

Leave a Reply