Rolex Sea-Dweller: per Conquistare le Profondità Marine

Un modello Rolex è molto di più di un semplice orologio. Ciascuna creazione ha caratteristiche e funzionalità tecniche che lo rendono un unicum sulla scena mondiale in termini di performance e design. Il re dei fondali, il capo indiscusso delle profondità marine è il Rolex Sea-Dweller.

Quest’orologio nato 1967, nel 2008 ha visto la nascita di un suo “fratello minore”, il Rolex Deepsea, che non è altro che un aggiornamento e un’implementazione del modello precedente. Il Sea-Dweller è un orologio subacqueo ultraresistente, impermeabile fino a 1.220 metri di profondità (il modello del 2008 può arrivare addirittura fino a 4.000 metri). È frutto di anni di studi e attente analisi condotti insieme a sub professionisti. Grazie al Sea-Dweller, l’azienda svizzera è riuscita a ergersi come leader dell’orologeria subacquea.

Caratteristiche del Modello Sea-Dweller

L’orologio si caratterizza per essere formato da un quadrante di color nero dove sono posizionate lancette di grandi dimensioni e indici spessi, sotto i quali è riportata la dicitura “Sea‑Dweller” in rosso fiammante.

La forza luminescente della tecnologia Chromalight regala al quadrante una luminosità così elevata da renderlo perfettamente leggibile anche negli ambienti più cupi e oscuri – come le stesse profondità degli abissi per cui è stato progettato. Il tempo di durata del fascio luminoso, inoltre, si aggira introno alle otto ore (quasi il doppio di quanto possa preformare un qualsiasi altro materiale luminescente), riuscendo ad irradiare il quadrante in modo sempre uniforme.

Il Sea-Dweller è stato ideato per garantire contemporaneamente comfort e resistenza, cosicché un sub possa indossarlo senza trovare limitazioni durante la sua esplorazione. Il bracciale Oyster è un’eccellenza Rolex, progettato e brevettato dalla stessa casa orologiaia, con l’obiettivo di unire perfetta funzionalità, forma, performance tecnica e estetica. Il bracciale è, inoltre, caratterizzato da un dispositivo di sicurezza detto Oysterlock, una sorta di fermaglio che scongiura non volute e spiacevoli aperture, tenendolo perfettamente ancorato al polso.

È altresì dotato di un sofisticato sistema di allargamento chiamato Glidelock, con il quale è possibile modificare e regolare la lunghezza del bracciare senza dover ricorrere all’utilizzo di strumenti o utensili particolari.

La lunetta del Sea-Dweller è girevole, uni-direzionata e graduata 60 minuti, fattore che facilita la lettura in sicurezza dei tempi di immersione e decompressione. Un disco Cerachron nero realizzato in ceramica antiscalfitura la protegge delle corrosioni e dai raggi ultravioletti. Infine, uno strato sottile di platino riveste la graduazione con deposito PVD.

Dal punto di vista estetico, il modello si presenta in due varianti. La prima (quella classica potremmo dire) è l’Oyster 43 mm in acciaio Oystersteel, la seconda, sempre Oyster 43 mm, è un connubio di Oystersteel e oro giallo. Nel primo caso, l’acciaio Oystersteel delle casse è simbolo di massima resistenza, di anticorrosione (essendo l’acciaio un materiale molto utilizzato nell’industria aerospaziale e chimica) e di estrema lucentezza. Nel secondo, il Rolesor giallo crea un legame senza pari tra l’oro lussuoso e luminoso e l’acciaio duro e affidabile.

Rolex Sea-Dweller
Rolex Sea-Dweller

Prezzo del Rolex Sea-Dweller

Nonostante l’elevata qualità tecnica e lo stesso valore simbolico che è riuscito a conquistarsi nell’ambito della orologeria subacquea, il prezzo del Rolex Sea-Dweller non risulta essere particolarmente elevato, se si fa riferimento a altri modelli. Il suo valore economico si aggira intorno ai 20.000 euro, prezzo che può cambiare in riferimento all’anno di produzione o alla presenza di modelli limited edition.

Si tratta di un orologio che, come si può immaginare, viene acquistato prevalentemente dagli amanti del mare e delle immersioni, ma sono non sono pochi i casi in cui persone con differenti hobby e passioni si siano orientati verso di esso, per il design raffinato e l’elevata qualità dei materiali.

Curiosità e Informazioni Sull’Orologio

Nel 1960 il Sea-Dweller fu partecipe di un’esperienza da record. Il tenente della Marina americana Don Walsh e l’oceanografo elvetico Jacques Piccard si diressero con il loro sommergibile, il Challenger Deep, verso il punto più profondo sulla faccia della Terra, la fossa delle Marianne. Pilotarono il loro Trieste fino alle profondità di 10.916 metri, riemergendo in perfette condizioni: non soltanto il batiscafo riapparve completamente integro, ma anche lo stesso orologio che, peraltro, era stato fissato esternamente. Con quest’operazione, che concluse la fase di sperimentazione del Sea-Dweller, si consacrò definitivamente l’eccellenza della casa Rolex in termini di tecnologia subacquea.

Nel marzo del 2012, il regista James Cameron ripropose un’esperienza simile a quella condotta negli anni Sessanta. Volle infatti condurre una seconda immersione negli abissi, ma stavolta in solitaria con il proprio sommergibile. Il risultato che conseguì fu straordinario: era in assoluto la prima volta che un uomo riusciva a raggiungere il punto più profondo della fossa, vale a dire 11.000 metri in profondità. A dire il vero, Cameron nel corso dell’immersione indossava il modello Deepsea, ma volle comunque rendere omaggio al tentativo pionieristico dei suoi predecessori portando con sé il Sea-Dweller che era stato loro alleato. Rolex, due anni più tardi, per celebrare l’audace impresa portata a termine dal regista americano, lanciò una versione speciale del modello, il Deepsea con quadrante D‑blue.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.